Archive for the ‘WWE’ Category

Nuovo WWE Title: forse a giugno

Slitta ancora l’introduzione del nuovo design del WWE Title. È già da tempo che se ne parla e si era ipotizzato che sarebbe stato presentato a novembre scorso, in occasione di Survivor Series, quando CM Punk avrebbe celebrato il suo anniversario con WWE Champion.

Ad oggi, si parla della presentazione del nuovo titolo a giugno e, molto probabilmente, non sarà CM Punk a portarlo alla vita.

Annunci

Chiude la FCW

Nelle scorse ore, la WWE ha ufficialmente annunciato la chiusura della Florida Championship Wrestling, federazione di sviluppo da cui ha allenato wrestling, fino ad oggi, da presentare poi nel main roster. Da oggi, infatti, tutto ciò che accadeva o era pertinente alla FCW passa sotto la dicitura di NXT Wrestling.

Con questo, dunque, NXT diventa un brand di sviluppo e, con i suoi show, possiamo vedere praticamente come procedono i miglioramenti dei wrestler che, da qui a qualche tempo, verranno proposti a RAW o SmackDown!.

Curiosità dopo RAW 1000th

Ora che la millesima puntata di RAW è passata agli archivi, tante sono le cose che cominciano a trapelare.

Randy Orton, ieri sera, era presente nel backstage di RAW ma, ovviamente, non è stato utilizzato in quanto sta scontando la sospensione dei 60 giorni dovuti dalla violazione del Wellness Program. Ricordiamo che RAW si è tenuto a St. Louis (Missouri), città natale di Orton.

Secondo fonti ufficiali, è stato venduto in occasione della millesima puntata, il biglietto di RAW più costoso di sempre. Basti pensare che quello più costoso, fino a lunedì, era un biglietto per un posto a Las Vegas (Nevada) venduto a $208; quello per RAW 1000th ha toccato quota $1.088.

Si dice, poi, che l’umore nel backstage dopo RAW era elevatissimo: il mix che ci è stato fra giovani talenti e vecchie glorie ha reso l’atmosfera così carica, tanto da essere paragonata a quella tipica di WrestleMania.

Infine, con l’apparizione di Undertaker, si vocifera che il “Deadman”, sebbene non sia tornato a tempo pieno, verrà utilizzato sporadicamente da qui a WrestleMania, facendolo anche lottare, quando sarà necessario.

C’è preoccupazione per le tre ore di RAW

La decisione di allungare la durata di RAW dalle due ore attuali alle tre, che dal 23 luglio prossimo diventeranno format fisso dello show rosso, ha diffuso una grossa dose di preoccupazione nel backstage.

Molti dipendenti WWE, infatti, sono molto preoccupati per quello che potrebbe accadere alla qualità del prodotto se non viene fatto un passo indietro.

La WWE si concentrerà sugli show in TV

Pare che, a breve, la WWE si concentrerà soprattutto su RAW e SmackDown!, cercando di far salire quanto più possibile i ratings, lasciando ai PPV solo il culminare delle storie che vedremo settimanalmente.

Questa manovra, se dovesse prendere piede, avrebbe come effetto immediato (e sperato) quello di far alzare i ratings e, di conseguenza, alzare anche i buyrates dei pay-per-view che, ad ora, sembrano insensibili a qualsiasi tipo di idea innovativa fino ad ora proposta.

In TNA nessuno parla della causa con la WWE

In TNA nessuno sta parlando della causa intentata dalla compagnia di Orlando nei confronti della WWE. Le motivazioni possono essere molteplici: molti atleti preferiscono il silenzio piuttosto che un’opinione contro la TNA o per non pregiudicare un eventuale futuro in WWE, se non proprio per direttiva dei piani alti della TNA.

La TNA fa causa alla WWE

Nella giornata di ieri, la TNA ha fatto causa alla WWE e ad un suo ex dipendente (ora alla corte dei McMahon), Brian Wittenstein, per interferenza nei contratti esistenti, gestione indebita, cospirazione civile, rottura di contratto, competizione sleale e violazione dell’Uniform Trade Secrets Act of Tennessee, un trattato che regolamenta in maniera minuziosa il segreto industriale.

Ciò che la TNA accusa alla WWE e Wittenstein è che quest’ultimo ha lavorato per tre anni ad Orlando, salvo poi rescindere il contratto nel 2011 andando a Stamford e passando molte informazioni delicate riguardanti la TNA alla WWE: pare, quindi, che ora la WWE sta provando a sottrarre talenti alla TNA sfruttando proprio queste informazioni passate da Wittenstein. Successivamente, la WWE ha licenziato Wittenstein nel mese di aprile scorso, proprio quando questi aveva rivelato alla WWE le informazioni riguardanti la TNA. La colpa della WWE però, secondo la TNA, è che non ha informato la federazione di Orlando tempestivamente, anzi, la WWE ha informato la TNA solo il 7 maggio scorso.

Nei giorni successivi, Ric Flair ha cominciato a non presentarsi più agli eventi live della TNA (compreso il pay-per-view Sacrifice), contattando la federazione di Orlando per rompere il contratto che li legava. Flair, probabilmente, ha adottato questo comportamento per poter tornare alla WWE. Stesso dicasi per Alex Shelley, che ha rifiutato un contratto di rinnovo con la TNA per poter trasferirsi a Stamford. Quest’ultima, però, è una voce che non trova conferme in nessuna fonte.

La TNA ha, quindi, chiesto alla WWE di restituire tutti i documenti confidenziali che Wittenstein ha trattenuto da quando ha lavorato in TNA, senza distruggere niente. Il mese prossimo ci sarà già la prima udienza in tribunale.

Intanto, l’avvocato della WWE Jerry McDevitt ha risposto alle accuse della TNA: “Le nostre risposta alle accuse della TNA, è che nessuna azione cattiva resterà impunita. Quello che ha fatto la WWE è quello che tutti voi sperate ogni compagnia di wrestling faccia in una situazione simile”.

Cala il morale nel backstage

Dopo un periodo molto positivo per la WWE, tra WrestleMania e il ritorno di Brock Lesnar, pare che il morale del backstage sia calato, tornando a livelli abbastanza normali. Il tutto è dovuto anche al fatto che i booker non sanno bene in che direzione far vertere le proprie storyline.

Il backstage non crede nelle 3 ore di RAW

Pare che sia un parere comune quello riguardante il nuovo format da tre ore del live di RAW: oltre a molti autorevoli esperti del settore, si aggiunge anche la voce di molti addetti ai lavori e del backstage.

Si crede, infatti, che prima della fine dell’anno, RAW tornerà alle sue solite due ore televisive, relegando la prima o l’ultima delle tre ad uno show in onda su WWE Network.

RAW passerà dalle due alle tre ore dopo il 23 luglio

Il 23 luglio prossimo, la WWE celebrerà la millesima puntata di RAW. Giunge notizia, tramite un tweet di John Cena e dal sito della WWE, che dopo quel giorno, tutti i lunedì, il Monday Night RAW durerà tre ore, al posto delle due canoniche.

Inoltre, sempre il sito della WWE annuncia che, nella durata dell’evento, il pubblico avrà buona parte del potere decisionale, decidendo quali superstar si esibiranno, i match e le loro stipulazioni.